noia e abbuffate
Noia e abbuffate: quale legame?
6 Giugno 2019
ossessione per il cibo
Ossessione per il cibo: perchè diventa un chiodo fisso?
12 Settembre 2019
Mostra tutto

Abbuffate compulsive come uscirne: 6 consigli

Abbuffate compulsive come uscirne

Abbuffate compulsive come uscirne

noia e abbuffateAbbuffate compulsive come uscirne: 6 consigli

 1. Costruisci una lista di attività piacevoli da fare

 

Per sperimentare una sensazione di benessere psico-fisico è necessario coltivare il piacere derivante da numerose attività. Quando il cibo diventa l’unica fonte di piacere o di consolazione, ci troviamo di fronte ad un uso inconsapevole del cibo stesso. Ricorda che quando fai affidamento, come fonte del tuo piacere, esclusivamente al cibo , questo limita lentamente la capacità del tuo cervello di godere di altre cose.

Sforzati il più possibile di trovare e ampliare la lista delle cose che ti fanno star bene. Leggi, ad esempio, il mio articolo L’esercizio del numero 5

2 Rimuovi la monotonia, inserisci varietà.

Tutti noi abbiamo, nel corso della nostra quotidianità, abbiamo compiti e attività da svolgere e dai quali non possiamo sottrarci. Il rischio è quello di vivere un profondo senso di monotonia e noia che, spesso, sono alla base delle abbuffate. Per evitare la monotonia, aggiungi varietà ad alcuni aspetti della tua vita.

Ad esempio, se ti alleni, puoi pianificare un allenamento una volta alla settimana in un ambiente completamente nuovo. Potresti mangiare di tanto in tanto in una stanza diversa o all’aperto.

 Aggiungere varietà alle routine può dare al tuo cervello molteplici fonti di stimolazione e questo, ovviamente, aiuta a sconfiggere la noia.

Creare una vita appagante e stimolante richiede un equilibrio tra la ricerca del piacere dentro e fuori dalla routine giornaliera.

Abbuffate compulsive come uscirne con la tecnica del se allora

3 Crea piani del tipo “Se… allora…”.

Questo è un trucco semplice che gli psicologi raccomandano per aiutarti a mantenere comportamenti positivi quando la tua forza di volontà si esaurisce.

Scrivi una lista degli elementi scatenanti che ti fanno abbuffare.

Quindi, crea un altro elenco di cose che puoi fare sin da subito per evitare di incorrere in quelle situazioni o per rimediare appena succedono.

Sostituisci il secondo termine dello schema mentale “se sono annoiato, allora mangio cioccolata” con qualcosa di più efficace e salutare che troverai nel prossimo consiglio.

Esempio: Se sono annoiato, allora mangio la cioccolata.

Se-allora “negativo”Se-allora “positivo”
Se sono annoiato, allora mangio cioccolataSe sono annoiato, allora esco a fare una passeggiata

4 Non saltare mai i pasti

È provato che la dieta ferrea, unitamente alla malsana abitudine di saltare i pasti, aumenta il rischio di abbuffate: in generale, più si restringi e riduci i pasti, più sentirai il bisogno di abbuffarti.

Questo non significa che non occorre impastare uno stile alimentare sano o mettersi a dieta, ma devi semplicemente mangiare abbastanza per mantenere la fame sotto controllo.

Se tagliare le calorie in modo massiccio ti aiuterà a perdere peso più velocemente a breve termine, nel lungo periodo, tuttavia, i grandi deficit generati da questo equilibrio disfunzionale, genereranno soltanto problemi psico-fisici. 

Se decidi di metterti a dieta affidati ad un dietista, nutrizionista o dietologo per essere certo di seguire uno stile alimentare equilibrato.

5 Rimuovi il maggior numero possibile di restrizioni dalla tua dieta.

Sii flessibile. Goditi i tuoi cibi preferiti con moderazione durante la dieta per evitare che le voglie si trasformino in abbuffate.

Presta attenzione alla qualità e alla quantità degli alimenti.

Non esagerare e non evitare del tutto grassi, carboidrati o proteine.

6 Trascorri del tempo con amici, familiari e sconosciuti.

Spesso le persone si abbuffano perché si sentono sole, frustrate o stressate. Inoltre, le persone alle prese con le abbuffate, hanno spesso hanno difficoltà a vivere con sicurezza e serenamente le relazioni personali e spesso usano proprio le abbuffate come meccanismo di di difesa o di evitamento delle relazioni sociali.

Se hai voglia di abbuffarti, trova qualcuno con cui parlare.

Meglio ancora, incontralo di persona. Sarai stupito di quanto sia facile dimenticare il cibo quando intrattieni una conversazione con qualcuno vicino a te.

Abbuffate compulsive come uscirne: ti consiglio la lettura del libro “50 esercizi per vincere la fame nervosa”

Seguimi:

Dott.ssa Simona Lauri

Psicologa, Psicoterapeuta e Coach Alimentare at Benessere Pratico
Ideatrice del Training Alimentare Integrato, offre aiuto a chi è in lotta col cibo a ritrovare l’equilibrio.
Seguimi:

Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%


Richiedi un colloquio

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.

Dott.ssa Simona Lauri
Dott.ssa Simona Lauri
Psicologa, Psicoterapeuta e Coach Alimentare