cibo e sessualità
Cibo e sessualità: quando allertarsi?
11 Aprile 2019
diabete effetti psicologici
Diabete effetti psicologici e vissuti emotivi
18 Aprile 2019
Mostra tutto

Iniziare una dieta: dove sbagli e cosa correggere!

iniziare-una-dieta

iniziare-una-dieta

iniziare-una-dieta

iniziare-una-dieta

Iniziare una dieta: dove sbagli e cosa correggere!

Quante volte, in procinto di iniziare una dieta, avete detto “Da lunedì inizio la dieta, o ancora, dopo le vacanze, dopo il compleanno del partner ecc…

Si tratta di una manovra che serve soltanto a prendere tempo e che alimenta una pericolosa mentalità del “tutto o niente” che può inficiare la nostra motivazione a perdere peso o cambiare stile alimentare.

Greg Hottinger e Michael Scholtz, autori del libro Coach Yourself Thin, suggeriscono, invece, un approccio più realistico che consente di sfruttare al meglio il nostro tempo e di non frustrarsi se capita di “cadere in tentazione”.

 “Ogni momento è buono…se evitiamo di inseguire la perfezione!”

Il pericoloso pensiero perfezionista che ci spinge a decidere di posticipare il momento di iniziare la dieta, insieme ad altre credenze, è ciò che più mina la nostra motivazione a perdere peso.

Ad esempio, suddividere i cibi in buoni e cattivi e ancora scindere categoricamente i comportamenti che ci aiutano a combattere la lotta contro la bilancia da quelli che, invece, ci fanno ingrassare e allontanare dai nostri obiettivi, sono altre credenze basate sull’idea del “perfezionismo assoluto”.

Aspirare alla perfezione, prepara il terreno per il fallimento.

Iniziate a pensare che più inseguirete il perfezionismo, maggiori saranno i momenti di stallo e i sentimenti di frustrazione sperimentati.

Ridimensiona le aspettative!

Pensa che è sufficiente accettare l’idea che possiamo decidere di mettere in pratica uno stile alimentare equilibrato, non sempre ma “la maggior parte del tempo.”, per ottenere un cambiamento stabile e prolungato nel tempo.

Come fare per iniziare una dieta che sia vincente?

Se in questo momento, al pensiero di cambiare stile alimentare, in termini di percentuale, aspiri al 100% della perfezione e del controllo, comincia, ad abbassare “la stanghetta” all’80%.

Facciamo un esempio: “se è domenica ed hai trascorso i giorni precedenti mangiando parecchio, potresti decidere di iniziare immediatamente a correggere il tiro, piuttosto che aspettare l’inizio della settimana: puoi decidere nel qui ed ora cosa fare per iniziare a fare un piccolo passo verso il cambiamento (scegliere di fare un pranzo o una cena più equilibrati oppure decidere di fare una breve camminata). Così facendo ti accorgerai che il tuo senso di auto-efficacia in merito alla questione “dieta”, sarà più forte!”

Un altro utile esercizio finalizzato a ridurre il tentativo di aspirare alla perfezione che fa perdere il controllo è il seguente:

  • Pensa all’ultima dieta che hai tentato di fare e che è si è rivelata un totale fallimento.
  • A questo punto prova a chiederti: per quanto tempo sono stato in grado di aderire al programma?
  • Identifica le aree in cui, secondo te, hai inserito obiettivi estremi e troppo perfetti (porzioni eccessivamente povere, esercizio fisico quotidiano ecc…).
  • Riscrivi gli obiettivi ridimensionandoli: “fare esercizio fisico 4-5 giorni a settimana invece di 7 giorni su 7”; “limitare il consumo di bibite gassate a tre alla settimana, piuttosto che vietarle completamente.”
  • Ogni settimana, controlla se hai raggiunto gli obiettivi prefissati ed eventualmente, correggili.

 

 

 

 

Seguimi:

Dott.ssa Simona Lauri

Psicologa, Psicoterapeuta e Coach Alimentare at Benessere Pratico
Ideatrice del Training Alimentare Integrato, offre aiuto a chi è in lotta col cibo a ritrovare l’equilibrio.
Seguimi:

Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%


Richiedi un colloquio

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.

Dott.ssa Simona Lauri
Dott.ssa Simona Lauri
Psicologa, Psicoterapeuta e Coach Alimentare