bere acqua
Bere più acqua per prendersi cura di sé
26 Aprile 2016
paleodieta
Il ritorno alle origini con la paleodieta
2 Giugno 2016
Mostra tutto

Self-soothing…e tu come ti auto-consoli?

self-soothing

Orsacchiotto seduto su un tronco

self-soothing

Orsacchiotto seduto su un tronco

Self-soothing…e tu come ti auto-consoli?

Self-soothing…e tu come ti auto-consoli?

I Disturbi alimentari come anoressia, bulimia, binge eating sono patologie complesse, la cui formazione dipende da tutta una serie di fattori (biologici, psicologici, sociali, familiari, culturali).

Non è semplice individuare la causa ben precisa della formazione di un disturbo alimentare ma, esistono una vasta gamma di strumenti e strategie che una persona può sviluppare e apprendere per fare propri comportamenti alimentare sani ed equilibrati e per ridurre quelli disfunzionali. Tra questi strumenti, uno molto importante è la capacità di auto-consolarsi, nota come self-soothing.

Cosa si intende per capacità di auto-consolazione?

Self-soothing, letteralmente auto-conforto, è un costrutto elaborato all’interno del ramo della psicologia del sé e della teoria dell’attaccamento.

Secondo queste teorie con auto-consolazione si fa riferimento alla capacità di ciascuno di saper regolare i sentimenti, vale a dire, saper gestire e temperare emozioni forti come rabbia, irritazione o eventi stressanti o particolarmente noiosi.

Lungo tutta l’infanzia riceviamo cure e conforto dalle nostre principali figure di accudimento. Se il genitore è stato sufficientemente bravo a rispondere ai bisogni fisici ed emotivi del bambino, offrendogli diversi modi per consolarlo, ci saranno buone possibilità che questo diventi un adulto con un senso si sé sano ed una buona autostima. Nel corso dello sviluppo o ancora quando l’adulto di riferimento –per qualsiasi motivo (assenza fisica, disattenzione, incomprensione ecc…)- non è presente per consolare il bambino, quest’ultimo imparerà gradualmente a consolarsi da solo, attraverso semplici gesti (succhiarsi il pollice, portarsi dietro una copertina o un peluche ecc…). Crescendo le persone acquisiscono, accanto alle modalità consolatorie passate (che si attivano anche inconsapevolmente), nuove modalità di consolazione: coltivare un hobby, leggere, uscire con gli amici ecc…Queste e molte altre attività, possono svolgere un importante ruolo nella vita di ciascuno di noi, soprattutto nei momenti in cui ci sentiamo particolarmente tristi o vulnerabili.

Se in passato, un genitore ha usato il cibo come unica modalità consolatoria (e non solo, anche per “premiare” eventuali buoni risultati), può succedere che il bambino, da adulto, di fronte al primo ostacolo, sia portato– in maniera più o meno inconsapevole- a usare il cibo come mezzo principale per lenire il dolore o per premiarsi dopo aver raggiunto obiettivi importanti.

In un precedente articolo sulla fame nervosa, ho illustrato il circolo vizioso di emozioni negative nel quale entrano le persone che ne sono colpite:

“sono triste, mi consolo col cibo, mangio senza controllo, sono ancora più triste e frustrato di prima perché ho fatto una cosa che non avrei dovuto fare ed ho mandato all’aria la dieta che avevo appena iniziato, sono proprio una nullità”

Sulla scia di tali pensieri ed emozioni, chi è vittima di fame nervosa o di binge eating, può avere grosse difficoltà a trovare dei modi alternativi al cibo per consolarsi, dal momento che il cibo rappresenta per loro “croce e delizia” al tempo stesso: “mi consolo col gelato e mangio fino a star male, tanto non valgo niente e ormai tutto è perduto.”

L’apprendimento di capacità di auto-conforto varie ed equilibrate, è uno degli aspetti cruciali del training alimentare integrato da me proposto.

Per maggiori informazioni consulta la sezione training alimentare integrato.

Leggi l’articolo originale

Seguimi:

Dott.ssa Simona Lauri

Psicologa, Psicoterapeuta e Coach Alimentare at Benessere Pratico
Ideatrice del Training Alimentare Integrato, offre aiuto a chi è in lotta col cibo a ritrovare l’equilibrio.
Seguimi:

Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

90% 3.33% 0% 6.67% 0%


Richiedi un colloquio

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.

Dott.ssa Simona Lauri
Dott.ssa Simona Lauri
Psicologa, Psicoterapeuta e Coach Alimentare