cambiamento elefante incatenato
Due storie e un test per iniziare a cambiare
24 Novembre 2015
stressoressia
Stressoressia: quando lo stress toglie la fame
11 Marzo 2016
Mostra tutto

Consigli per il foodporn

food porn

Consigli per il food porn

foodporn

Consigli per il foodporn

Il termine foodporn è un concetto relativamente nuovo che indica la tendenza, sempre più frequente, a postare nei social, foto di piatti succulenti e invitanti. Esiste ormai un settore della fotografia che si occupa proprio di rendere le immagini dei cibi pubblicati sul web, il più possibile attraenti e perfetti.

Questa moda, per certi aspetti, non rappresenta una novità assoluta se pensiamo che, da sempre, gli spot pubblicitari cercano di rendere molto appetibili i prodotti alimentari, ma con l’avvento del “food porn”, le foto sono diventate più “sofisticate” e presentate usando tecniche e prospettive inusuali.

Le conseguenze del foodporn

L’effetto che provoca, è un desiderio quasi impellente di mangiare il cibo raffigurato o, qualora fosse impossibile (cosa molto frequente), mettere qualcosa sotto i denti, riempire lo stomaco. Di fronte ad un piatto di pasta fotografato ad arte o ad un pezzo di pizza con la mozzarella che “fila”, non si può resistere!

Attuali ricerche hanno dimostrato che la semplice visualizzazione di immagini di questo tipo, stimola il nostro appetito. Con il presente articolo, dopo aver descritto le caratteristiche principali di questa nuova moda, verranno forniti 4 pratici consigli per gestire il foodporn.

Perché la parola porn?

Porno è una parola forte, che richiama in genere una reazione intensa. Che condividiate o meno il termine, questo è stato “usato” per “suggerirci”, inconsapevolmente, un particolare tipo di rapporto che instauriamo con la foto in questione. D’altronde non è inusuale il collegamento tra cibo e sesso. Entrambi sono piacevoli e stimolanti per i nostri sensi.

Tuttavia, l’altra faccia della medaglia, potrebbe essere quella di far “sentire” alla persona di stare facendo qualcosa di “sbagliato” o “cattivo”. Questo pensiero può essere più frequente in chi soffre di binge eating, fame nervosa  o di disturbi alimentari in generale. Le persone con questi problemi o anche quelle che seguono una dieta molto restrittiva, confessano di visitare spesso siti con foto di cibi. Alcune di loro trascorrono parecchie ore sfogliando riviste di cibo o su internet (pinterest ad esempio) e iniziano una lotta contro sé stesse: resistere o cedere alla tentazione del cibo? La maggior parte delle volte, succede che si cede alle abbuffate (con tutti i sensi di colpa che comporta in seguito).

4 consigli per gestire la compulsione al food-porn

Se anche tu trascorri parecchio tempo davanti al pc, guardando le foto dei cibi più succulenti e “giochi al tiro alla fune” con il tuo appetito, qui di seguito vengono proposti 4 consigli per evitare di rimanere vittima del fenomeno noto come food porn.

  1. Limita il tempo da dedicare alla visione di questi siti. Invece di importi il divieto assoluto di visionare foto di cibi – modalità che contribuisce molto di più a perdere il controllo della situazione- colloca questa “pratica” entro un tempo ed uno spazio ben precisi (ad esempio 15 minuti al giorno). Gradualmente prova a ridurre il tempo e alterna giorni potrei vedere le foto e giorni in cui eviterai.
  2. Inizia a selezionare i siti con ricette di cucina con poche immagini (pensando che avrai a disposizione i 15 minuti giornalieri).
  3. Se si dispone di un account Pinterest, assicurati di seguire le persone che postano foto di ispirazione, ricette sane e non soltanto foto di cibo spazzatura.
  4. Impara a concederti piccole trasgressioni, mangiando con consapevolezza, magari usando le tecniche della mindfull eating. Ricorda: è sbagliato evitare i piaceri del cibo, il trucco sta nel vivere l’incontro col cibo con consapevolezza e serenità.

Guarda il mio video

Resistere alle abbuffate da foodporn

Seguimi:

Dott.ssa Simona Lauri

Psicologa, Psicoterapeuta e Coach Alimentare at Benessere Pratico
Ideatrice del Training Alimentare Integrato, offre aiuto a chi è in lotta col cibo a ritrovare l’equilibrio.
Seguimi:

Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

100% 0% 0% 0% 0%


Richiedi un colloquio

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.

Dott.ssa Simona Lauri
Dott.ssa Simona Lauri
Psicologa, Psicoterapeuta e Coach Alimentare