rapporto con la bilancia
Rapporto con la bilancia: come gestirlo al meglio
3 Giugno 2016
smettere di fumare con il metodo res
Come smettere di fumare con il metodo RES
4 Giugno 2016
Mostra tutto

Mangiare lentamente per dimagrire: alcuni consigli

mangiare lentamente

Piatto a forma di orologio con posate

mangiare lentamente

Piatto a forma di orologio con posate

Mangiare lentamente: perché?

Uno dei problemi della nostra vita quotidiana è la continua lotta contro il tempo, che spesso, ci porta a consumare i pasti molto velocemente e senza la possibilità di godersi il momento, con conseguenze sul nostro peso e sulla nostra salute.

Il movimento slow food, partito in Italia, nato per contrastare i fast food, invita proprio a modificare il proprio stile di vita (alimentare e non solo), all’insegna di una maggiore presa di consapevolezza delle trappole insite nella nostra società e vivere ogni aspetto della quotidianità, evitando di correre e affannarsi. Sembra facile a dirsi, ma molto difficile a farsi, dal momento che correre sta diventando un’abitudine radicata nella vita di ciascuno di noi.

Qui di seguito vengono passati in rassegna 4 motivi per decidere di mangiare lentamente.

4 motivi per iniziare a mangiare lentamente

  • Perdita di peso. Numerose ricerche dimostrano che, mangiando lentamente, si introducono le giuste calorie di cui abbiamo bisogno. Il nostro cervello, impiega circa 20 minuti per “registrare” lo stato di sazietà. Se mangiamo velocemente, rischiamo di mandare in tilt l’intero sistema e mangiare anche se siamo già effettivamente pieni. Se mangiamo lentamente, abbiamo il tempo di renderci conto quando siamo pieni e fermarci in tempo.
  • Cibo più gustoso. Questa è un’altra motivazione importante: è difficile gustare il cibo, se mangiamo troppo in fretta. Se ti gusti un cioccolatino con molta tranquillità, assaporandone ogni suo sapore, molto probabilmente, deciderai di fermarti soltanto a quello, senza doverne gustare un altro (cosa che accade quando mangiamo velocemente)
  • Una migliore digestione. Mangiando con più calma, il cibo viene masticato meglio e -di conseguenza- miglioreremo la nostra digestione. Ricordate che la prima digestione inizia proprio dalla bocca!
  • Meno stress. Mangiare lentamente, prestando attenzione al cibo che ci apprestiamo a consumare, aiuta a potenziare il nostro livello di consapevolezza sul nostro reale stato di fame-sazietà. In questo senso, potrebbero essere utili, gli esercizi di mindful eating.

Piccole curiosità

  • Gli uomini di solito mangiano molto più velocemente rispetto alle donne.
  • Scegliere di consumare uno-due pasti a settimana, esclusivamente  a base di frutta e verdura, allunga la vita.
  • Mangiare poco ma spesso, evitando di appesantirsi nei pasti, può essere utile per il controllo del glucosio nel sangue ed il grasso corporeo, dopo i 60 anni di età.

Mangiare lentamente per dimagrire

Siamo vittime dei ritmi frenetici imposti dalla società e, spesso, finiamo col consumare i pasti alla “velocità della luce”, con conseguenze negative per il nostro peso, la nostra salute ed il nostro equilibrio psichico, fisico e mentale.

Come ho accennato precedentemente nostro cervello, impiega circa 20 minuti per “registrare” lo stato di sazietà? Se mangiamo velocemente, rischiamo di mandare in tilt l’intero sistema e mangiare anche se siamo già effettivamente pieni.  Vuoi sapere come mangiare lentamente per dimagrire?

  • Osserva la tua esperienza interiore

Per una settimana, provate a rispondere a queste domande, ascoltando semplicemente le vostre sensazioni: Come faccio a sapere quando ho fame? Che sensazioni provo? Che cosa sento quando sono travolto da un’onda emotiva (ansia, gioia, tristezza), mi viene l’impulso di mangiare, ma non ho “fisicamente” fame? Come faccio a sapere quando sono effettivamente sazio?

  • Fai finta di essere un critico gastronomico

Quando mangiamo, sarebbe opportuno evitare di mangiare velocemente. Prova a soffermarti su vari aspetti: la presentazione del piatto, gli odori, le sfumature di ogni sapore ecc… Per facilitare questo step, prova a immaginare di essere un critico gastronomico e che stai apprestando a dare un voto al piatto, valutandolo sotto vari aspetti: estetica, odori, colori, consistenza, sapori, retrogusto ecc…

Fare proprio questo comportamento porta con sé tutta una serie di vantaggi a livello fisico, mentale e psicologico. Se vuoi approfondire di più questo argomento, consulta il mio articolo sulla mindfuleating.

Guarda il mio video

Imparare a mangiare lentamente: come fare?

Seguimi:

Dott.ssa Simona Lauri

Psicologa, Psicoterapeuta e Coach Alimentare at Benessere Pratico
Ideatrice del Training Alimentare Integrato, offre aiuto a chi è in lotta col cibo a ritrovare l’equilibrio.
Seguimi:

Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

100% 0% 0% 0% 0%


Richiedi un colloquio

Acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento Europeo GDPR.

Dott.ssa Simona Lauri
Dott.ssa Simona Lauri
Psicologa, Psicoterapeuta e Coach Alimentare