paleodieta
Il ritorno alle origini con la paleodieta
2 Giugno 2016
mangiare lentamente
Mangiare lentamente per dimagrire: alcuni consigli
4 Giugno 2016
Mostra tutto

Rapporto con la bilancia: come gestirlo al meglio

rapporto con la bilancia

Donna infastidita che tiene in mano una bilancia

rapporto con la bilancia

Rapporto con la bilancia: come gestirlo al meglio

Il rapporto con la bilancia, in particolare per chi è a dieta o oscilla continuamente di peso, può essere molto tormentato. Quali sono gli errori che rischiamo di fare quando siamo costretti a monitorare il nostro peso con la bilancia? In che modo gestire al meglio il rapporto con la bilancia?

  1. Bilancia-dipendenza. Persone obese, in sovrappeso o con un peso “yo-yo”, finiscono col creare un rapporto di totale dipendenza dalla bilancia. Il costante desiderio di tenere sotto controllo il proprio peso, può indurle a controllare ogni giorno o -in casi estremi- più volte al giorno, nella speranza che una cifra bassa, possa magicamente comparire. In realtà, è risaputo che -pesarsi più volte al giorno- è sicuramente sbagliato dal momento che il nostro peso, nell’arco di una giornata, oscilla continuamente. Il rischio, pertanto, è di farsi influenzare negativamente proprio da queste piccole oscillazioni e, decidere, per esempio, di interrompere la dieta e abbuffarsi (guarda il mio video: abbuffate? Gestirle con l’esercizio del numero 5), visti i tentativi inutili di mantenere un peso stabile. L’ideale sarebbe pesarsi un giorno a settimana, scegliendo preferibilmente sempre lo stesso giorno e lo stesso orario.
  2. Usare tutte le bilance a disposizione. Sei a casa di un amico, vai in bagno, vedi la bilancia e la tentazione è forte. In realtà, sia per evitare il circolo vizioso descritto precedentemente, sia perché usare una bilancia diversa, rischia di darci un risultato diverso da quella che usiamo solitamente, è consigliabile usare sempre la stessa bilancia.
  3. Pesarsi di sera. Evita di pesarti alle 8 di sera o tendenzialmente a fine giornata. In condizioni normali, quasi tutti siamo più appesantiti a fine giornata. Scegli di pesarti al mattino o tendenzialmente nella prima parte della mattinata.
  4. Occhio al peso falsato. Per evitare frustrazioni inutili -oppure- temporanee illusioni, evita di pesarti con molti vestiti addosso (l’ideale sarebbe pesarsi con la biancheria intima o comunque con abiti leggeri, preferibilmente sempre gli stessi) o ancora, evita l’incontro con la bilancia, dopo un’intensa sessione di allenamento in palestra; a meno che abbiate tenuto d’occhio i livelli di idratazione pre e post allenamento. E’ facile illudersi di aver perso anche un chilo dopo aver  completato un faticoso allenamento
  5. Evita alcuni giorni precisi. Per le donne, in particolare, è preferibile evitare di pesarsi nel periodo del ciclo mestruale e in generale, quando ci si sente particolarmente stanchi e spossati. La ritenzione idrica, in questi momenti, potrebbe esercitare un’influenza notevole.
  6. Quando il pensiero di pesarsi ti crea agitazione. Se un giorno sei un po’ giù di morale o hai trascorso dei giorni in cui ti sei abbuffato ed hai perso il controllo e il pensiero di pesarti, ti mette in ansia e ti frustra, prova a chiederti: pesarmi peggiorerebbe o migliorerebbe il mio umore? Se ritieni che potrebbe essere particolarmente stressante, posticipa a un altro momento o ad un altro giorno.

Fonte: Leggi l’articolo originale

Seguimi:

Dott.ssa Simona Lauri

Psicologa, Psicoterapeuta e Coach Alimentare at Benessere Pratico
Ideatrice del Training Alimentare Integrato, offre aiuto a chi è in lotta col cibo a ritrovare l’equilibrio.
Seguimi:

Come ti senti dopo aver letto questo articolo?

0% 0% 0% 0% 0%


Richiedi un colloquio

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Con l’invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati personali unicamente alla richiesta in oggetto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 del Regolamento Europeo n. 2016/679.

Dott.ssa Simona Lauri
Dott.ssa Simona Lauri
Psicologa, Psicoterapeuta e Coach Alimentare